Pensare è un atto eroico. Simone Weil

L’amica Simone Pétrement racconta in una mirabile e discreta biografia la vita mirabile e discreta di una giovane donna, Simone Weil, libera per tutta la sua vita ( 1909-1943)  di lottare per l’emancipazione dell’uomo, emancipazione in primo luogo dai miti della civiltà contemporanea, fra i quali a suo parere ha influenza peggiore il concetto di rivoluzione che quello di religione.

Fra le riflessioni comprese nella biografia quella proposta mantiene un effetivo legame con i vizi della politica italiana contemporanea:

” [Simone Weil] Insiste in modo particolare sulla coppia libertà di opinione e verità. Ritiene necessario, affinché questi bisogni siano rispettati, che si vieti ogni propaganda di partito come pure ogni pressione di un gruppo sui propri membri per imporre certe opinioni ( cioè ogni pressione esercitata in virtù della nozione di ortodossia). Consiglia anche di creare dei tribunali davanti ai quali si possano citare tutti quegli scrittori o giornalisti che abbiano pubblicato consapevolmente delle mensogne oppure degli errori che avrebbero potuto facilmente evitare. ”

Per approfondimenti ” Manifesto per la soppressione dei partiti politici

Insegnante, libera pensatrice, filosofa, mistica

Insegnante, libera pensatrice, filosofa, mistica

Share
Questa voce è stata pubblicata in SOCIETA' e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove − = 5

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>