Marijuana on line, sarebbe questa la priorità?

La notizia ormai è di qualche giorno fa, esattamente del 5 gennaio. Un’operazione in grande stile porta le forze dell’ordine a perquisire circa una ventina di abitazioni fra Genova e il Tigullio. Terrorismo, sfruttamento della prostituzione, crimine organizzato?

Niente di tutto questo.

I perquisiti avevano semplicemente acquistato semi di marijuana da un sito internet: Semitalia.it al centro di un indagine partita da Bolzano, come si vede dal sequestro preventivo del negozio online.

A qualche giorno di distanza vale la pena riprendere questo evento, che nel suo piccolo permette di raccontare un’altra notizia, quella di una stampa affrettata e superficiale, che quando parla di erba, cannabis et similia, utilizza spesso il metro grezzo dell’approssimazione, sposando più o meno consapevolmente ( e quindi colpevolmente) la causa mistica del proibizionismo. Senza davvero immaginarne le conseguenze?L’articolo cominciava così, con un incipit ad effetto, costruito secondo arte giornalistica:

Decine di carabinieri sguinzagliati per Genova alla ricerca di semi preziosi.

Semi preziosi la cui detenzione, si omette di dire, è assolutamente legale.

Quasi cinquanta le abitazioni passate al setaccio in tutta la provincia. Secondo gli inquirenti, i genovesi controllati[…] sarebbero stati in passato i clienti del sito www.semitalia.it, specializzato nel commercio di sementi e materiale per le colture di canapa indiana e di altre erbe dal contenuto allucinogeno.

Commercio legale, legalissimo, ripeto. Vendere semi non è assolutamente reato nel nostro attuale ordinamento.

Per gli investigatori i titolari di Semitalia.it immettono sul mercato italiano i semi, non le piante.

E infatti tutto è regolare. E questo da fastidio a molti. Perché si da la possibilità alle persone di coltivare per il proprio fabbisogno la qualità di pianta che più preferiscono, senza doversi più affidare al mercato nero. Che vedrebbe sottratta un’ingente parte dei propri guadagni. La coltivazione è reato, non certo l’acquisto delle sementi.

Infine, sul portale ci sono tutte le indicazioni per diventare buoni agricoltori e per acquistare la strumentazione necessaria.

Cosa ci sia di strano in questo passo? E’ imbarazzante doversi confrontare con queste argomentazioni, perché ogni commerciante, sa che parte del proprio lavoro,  per alcuni, forse la più gratificante, non sta nella vendita in sé e per sé, ma nel contributo culturale e tecnico che lo specialista può fornire al novizio. E questo in ogni campo, ovviamente, compresa la coltivazione di cannabis.

Ai gestori del sito i carabinieri contestano immediatamente il reato di induzione all’uso di sostanze stupefacenti o psicotrope.

Questo è il reato portante dell’inchiesta proveniente da Bolzano. Chi ha venduto i semi (ha insegnato come usarli e magari venduto anche la strumentazione necessaria) starebbe quindi istigando/inducendo all’uso di sostanze stupefacenti. Ma cerchiamo di capire meglio.

Gli individui controllati, prosegue l’articolo sono in gran parte uomini di età compresa fra i 19 e i 35 anni. Persone si suppone con una propria volontà, che si suppone abbiano scelto di acquistare i semi ed eventualmente di piantarli in piena autonomia intellettuale, e consapevoli dei possibili rischi, non certo istigati o indotti dai commercianti incriminati, magari semplicemente consigliati. Ma può un consiglio diventare reato? In questo caso sembrerebbe di sì, con la libertà di manifestazione del pensiero (art. 21 della Costituzione) che sibila in un rantolo di agonia. E spira.

Nel ponente cittadino i carabinieri hanno trovato un soggetto con quaranta semi: sulle cui passioni c’è stato poco da sindacare, vista la quantità di gadget giamaicani trovati nella sua cameretta. Certo si dovrà attendere la verifica sul principio attivo presente all’interno dei semi, ma per lui una denuncia potrebbe scattare facilmente.

Potrebbe scattare facilmente cosa? O si è in possesso di stupefacenti, o la semplice detenzione di gadget e semi non ha nessuna conseguenza penale. Quindi che si verifichi il principio attivo all’interno dei semi, sembra una chiara mistificazione/ baggianata. Le forze dell’ordine non perderanno tempo a verificare nulla, solo un giornalista poco informato potrebbe crederci e mal informare il prossimo.

Concludendo: settanta agenti sono stati impiegati in questa verifica e i risultati? Sembra più che legittimo domandarsi che cosa si sia ottenuto con questa mobilitazione.

Vediamo come si conclude l’articolo:

Già all’ora di pranzo, l’impressione degli investigatori è che la maggior parte dei quasi cinquanta soggetti controllati siano consumatori o, al massimo, spacciatori di basso livello.

Siamo d’accordo: la magistratura funziona così, non è necessario avere la prova del reato: è sufficiente un elemento di sospetto fondato, in questo caso del reato di  coltivazione è diventa quindi doveroso procedere alle perquisizioni. L’autorità giudiziaria non può esprimere giudizi di valori personali di fronte a notizie di reato, si deve comunque attivare. Questa è ovviamente una garanzia per i cittadini: il codice va applicato a prescindere dalle idee politiche di merito del magistrato di turno.

Fa sorridere il fatto che la magistratura vista dall’esterno spesso sembra dimostrarsi intransigente nel perseguire questi reati, mentre ad altri livelli, più alti e più celati all’opinione pubblica, si preferisce giungere con meno clamore mediatico e minor zelo persecutorio. Ma questa è solo un’impressione. Per dare un’idea sulle priorità auspicabili da perseguire in futuro ecco un articolo sulla mappa del riciclaggio di denaro proveniente da attività criminale. E Genova come sarà in classifica?

Per chi fosse interessato a approfondire la vicenda giudiziaria dei ragazzi di SEMITALIA.IT, di seguito due articoli di Soft Secrets, scritti da Carlos Rafael Esposito.

Semitalia l’assoluzione che sa di libertà. Soft Secrets Italia Edizione 4 del 2009 a pagina 34.

Semitalia ennesimo abuso. Soft Secrets Italia Edizione 4 del 2010 a pagina 35.

Share
Questa voce è stata pubblicata in Antiproibizionismo, Genova e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a Marijuana on line, sarebbe questa la priorità?

  1. alice scrive:

    Ciao, grazie per la condivisione della notizia e per le giuste critiche che muovi a questo tipo di operazioni. Non trovo alcun riferimento però alle notizie pubblicate, anche localmente, su queste perquisizioni…Puoi aiutarmi?Per la comunità di growers italiani avere più notizie dettagliate possibili è molto importante…Grazie ancora!

  2. alice scrive:

    Ciao, grazie per la condivisione della notizia e per le giuste critiche che muovi a questo tipo di operazioni. Non trovo alcun riferimento però alle notizie pubblicate, anche localmente, su queste perquisizioni…Puoi aiutarmi?Per la comunità di growers italiani avere più notizie dettagliate possibili è molto importante…Grazie ancora!

    • ilsecolo21 scrive:

      Buongiorno, la notizia, da cui ha preso spunto il mio articolo, è stata pubblicata il giorno 5 gennaio sul quotidiano genovese il secolo xix. Se non erro con il titolo:” Marijuana online, perquisite 50 case.” Dopo una breve ricerca non penso esista molto in rete, credo che la notizia sia apparsa solo sul cartaceo. A presto e continui a seguire Il Secolo 21.
      un caro saluto
      Fabrizio Dentini

  3. R0nin scrive:

    Uno dei rarissimi articoli onesti e informati su questa assurda vicenda che va avanti da mesi in tutta Italia. E’ scandaloso che vengano spese forze e uomini per rovinare la vita a molti ragazzi per il possesso di qualche seme o al più di una piantina. Un’operazione che non ha nulla a che vedere con l’ordine pubblico ma che mira solo a favorire il traffico illegale e a pompare la megalomania di qualche magistrato…

  4. R0nin scrive:

    Uno dei rarissimi articoli onesti e informati su questa assurda vicenda che va avanti da mesi in tutta Italia. E’ scandaloso che vengano spese forze e uomini per rovinare la vita a molti ragazzi per il possesso di qualche seme o al più di una piantina. Un’operazione che non ha nulla a che vedere con l’ordine pubblico ma che mira solo a favorire il traffico illegale e a pompare la megalomania di qualche magistrato…

  5. R0nin scrive:

    Uno dei rarissimi articoli onesti e informati su questa assurda vicenda che va avanti da mesi in tutta Italia. E’ scandaloso che vengano spese forze e uomini per rovinare la vita a molti ragazzi per il possesso di qualche seme o al più di una piantina. Un’operazione che non ha nulla a che vedere con l’ordine pubblico ma che mira solo a favorire il traffico illegale e a pompare la megalomania di qualche magistrato…

  6. alice scrive:

    Salve Fabrizio, scrivo dal sud Italia…piuttosto lontano da Genova.
    Faccio parte di una nutrita comunità di growers di tutta Italia: coltiviamo cannabis ad USO ESCLUSIVAMENTE PERSONALE ( mi scuso per il maiuscolo…) e, attraverso la rete, condividiamo informazioni, gioie e dolori: E appunto condividendo i “dolori” che un utente ha postato il suo articolo, con link al suo blog, su un importante sito di coltivazione. La informo con piacere che in molti la ringraziano per aver finalmente detto cose sensate sull’argomento!!!! Siamo una “categoria” di perseguitati: è vero, infrangiamo la legge (sarebbe poi da dimostrare che sia una legge giusta, anche vedendo la nostra legislazione sugli alcolici…), ma non siamo un gruppo di sballati e criminali. Come me molti di quelli con cui condivido questa passione sono persone del tutto normali, che studiano, lavorano e si impegnano per far andare avanti al meglio questo paese…Sottolineo passione perchè è proprio una passione!!Non c’è niente di meglio di crescersi le proprie piante e poi consumarle, come si crescono le viti e poi se ne beve il vino…
    Dal maggio scorso sono iniziate in tutta italia una serie di perquisizioni, prima provenienti da un sito (semini.it, marjiuana.it) ed ora da semitalia.it. Sono state effettuate una cosa come 3000 perquisizioni, con un assurdo spreco di risorse pubbliche…e con risultati veramente ridicoli. Persone normali, come me o lei, si sono state svegliate all’alba dai carabinieri, accusate di spaccio…e portate in caserma per avere 2 piante o meno…E tutte le notizie sulle perquisizioni erano simili, molto simili, a quella da lei riportata…Inesatte, piene di imprecisioni, contenenti falsità!Questo non è giusto! la strategia del terrore porta solo a rinforzare il potere delle mafie che governano lo spaccio degli stupefacenti…
    Solo lei, tra tanti blogger e giornalisti, ha avuto il coraggio, e, se posso, l’intelligenza di muovere delle critiche a questo tipo di NON informazione. Certo, sui siti della nostra comunità se ne sono scritte e dette…ma rimaniamo una comunità isolata, nascosta per necessità e sempre malvista dall’opinione pubblica.
    Mi permetto si segnalarle un paio di thread su forum che trattano l’argomento, in modo che, se le interessa, può farsi un’idea più precisa di cosa ci sta succedendo:
    IcMag (il più grande sito internazionale sulla coltivazione di cannabis)
    https://www.icmag.com/ic/showthread.php?t=177074

    Overgrow (comunità italiana ma con server esteri)
    http://www.overgrow-italy.nl/forum/showthread.php?t=9166

    Mi scuso se l’ho annoiata con tutte queste parole, ma è talmente raro trovare qualcuno che ci sostenga, anche se inconsapevolmente o quasi, che credo sia giusto farle capire che cosa stiamo passando.
    grazie per l’attenzione dedicatami
    cordiali saluti, mi auguro che a Genova sia una splendida giornata come qui!
    Alice

  7. alice scrive:

    Salve Fabrizio, scrivo dal sud Italia…piuttosto lontano da Genova.
    Faccio parte di una nutrita comunità di growers di tutta Italia: coltiviamo cannabis ad USO ESCLUSIVAMENTE PERSONALE ( mi scuso per il maiuscolo…) e, attraverso la rete, condividiamo informazioni, gioie e dolori: E appunto condividendo i “dolori” che un utente ha postato il suo articolo, con link al suo blog, su un importante sito di coltivazione. La informo con piacere che in molti la ringraziano per aver finalmente detto cose sensate sull’argomento!!!! Siamo una “categoria” di perseguitati: è vero, infrangiamo la legge (sarebbe poi da dimostrare che sia una legge giusta, anche vedendo la nostra legislazione sugli alcolici…), ma non siamo un gruppo di sballati e criminali. Come me molti di quelli con cui condivido questa passione sono persone del tutto normali, che studiano, lavorano e si impegnano per far andare avanti al meglio questo paese…Sottolineo passione perchè è proprio una passione!!Non c’è niente di meglio di crescersi le proprie piante e poi consumarle, come si crescono le viti e poi se ne beve il vino…
    Dal maggio scorso sono iniziate in tutta italia una serie di perquisizioni, prima provenienti da un sito (semini.it, marjiuana.it) ed ora da semitalia.it. Sono state effettuate una cosa come 3000 perquisizioni, con un assurdo spreco di risorse pubbliche…e con risultati veramente ridicoli. Persone normali, come me o lei, si sono state svegliate all’alba dai carabinieri, accusate di spaccio…e portate in caserma per avere 2 piante o meno…E tutte le notizie sulle perquisizioni erano simili, molto simili, a quella da lei riportata…Inesatte, piene di imprecisioni, contenenti falsità!Questo non è giusto! la strategia del terrore porta solo a rinforzare il potere delle mafie che governano lo spaccio degli stupefacenti…
    Solo lei, tra tanti blogger e giornalisti, ha avuto il coraggio, e, se posso, l’intelligenza di muovere delle critiche a questo tipo di NON informazione. Certo, sui siti della nostra comunità se ne sono scritte e dette…ma rimaniamo una comunità isolata, nascosta per necessità e sempre malvista dall’opinione pubblica.
    Mi permetto si segnalarle un paio di thread su forum che trattano l’argomento, in modo che, se le interessa, può farsi un’idea più precisa di cosa ci sta succedendo:
    IcMag (il più grande sito internazionale sulla coltivazione di cannabis)
    https://www.icmag.com/ic/showthread.php?t=177074

    Overgrow (comunità italiana ma con server esteri)
    http://www.overgrow-italy.nl/forum/showthread.php?t=9166

    Mi scuso se l’ho annoiata con tutte queste parole, ma è talmente raro trovare qualcuno che ci sostenga, anche se inconsapevolmente o quasi, che credo sia giusto farle capire che cosa stiamo passando.
    grazie per l’attenzione dedicatami
    cordiali saluti, mi auguro che a Genova sia una splendida giornata come qui!
    Alice

  8. alice scrive:

    Salve Fabrizio, scrivo dal sud Italia…piuttosto lontano da Genova.
    Faccio parte di una nutrita comunità di growers di tutta Italia: coltiviamo cannabis ad USO ESCLUSIVAMENTE PERSONALE ( mi scuso per il maiuscolo…) e, attraverso la rete, condividiamo informazioni, gioie e dolori: E appunto condividendo i “dolori” che un utente ha postato il suo articolo, con link al suo blog, su un importante sito di coltivazione. La informo con piacere che in molti la ringraziano per aver finalmente detto cose sensate sull’argomento!!!! Siamo una “categoria” di perseguitati: è vero, infrangiamo la legge (sarebbe poi da dimostrare che sia una legge giusta, anche vedendo la nostra legislazione sugli alcolici…), ma non siamo un gruppo di sballati e criminali. Come me molti di quelli con cui condivido questa passione sono persone del tutto normali, che studiano, lavorano e si impegnano per far andare avanti al meglio questo paese…Sottolineo passione perchè è proprio una passione!!Non c’è niente di meglio di crescersi le proprie piante e poi consumarle, come si crescono le viti e poi se ne beve il vino…
    Dal maggio scorso sono iniziate in tutta italia una serie di perquisizioni, prima provenienti da un sito (semini.it, marjiuana.it) ed ora da semitalia.it. Sono state effettuate una cosa come 3000 perquisizioni, con un assurdo spreco di risorse pubbliche…e con risultati veramente ridicoli. Persone normali, come me o lei, si sono state svegliate all’alba dai carabinieri, accusate di spaccio…e portate in caserma per avere 2 piante o meno…E tutte le notizie sulle perquisizioni erano simili, molto simili, a quella da lei riportata…Inesatte, piene di imprecisioni, contenenti falsità!Questo non è giusto! la strategia del terrore porta solo a rinforzare il potere delle mafie che governano lo spaccio degli stupefacenti…
    Solo lei, tra tanti blogger e giornalisti, ha avuto il coraggio, e, se posso, l’intelligenza di muovere delle critiche a questo tipo di NON informazione. Certo, sui siti della nostra comunità se ne sono scritte e dette…ma rimaniamo una comunità isolata, nascosta per necessità e sempre malvista dall’opinione pubblica.
    Mi permetto si segnalarle un paio di thread su forum che trattano l’argomento, in modo che, se le interessa, può farsi un’idea più precisa di cosa ci sta succedendo:
    IcMag (il più grande sito internazionale sulla coltivazione di cannabis)
    https://www.icmag.com/ic/showthread.php?t=177074

    Overgrow (comunità italiana ma con server esteri)
    http://www.overgrow-italy.nl/forum/showthread.php?t=9166

    Mi scuso se l’ho annoiata con tutte queste parole, ma è talmente raro trovare qualcuno che ci sostenga, anche se inconsapevolmente o quasi, che credo sia giusto farle capire che cosa stiamo passando.
    grazie per l’attenzione dedicatami
    cordiali saluti, mi auguro che a Genova sia una splendida giornata come qui!
    Alice

  9. surg-boy scrive:

    ciao a tutti i grower,attivisti,sostenitori,semplici consigli da uno che ha fatto la guerra a sti stronzi,imbecilli,nullafacenti di forze del disordine,non ordine,un fottetevi a tutti i corpi che esistono in italia,nessuno escluso,purtroppo ci sono capitato pure io in mezzo a sta bufera,non spaccio assolutamente,quindi se uno di quegli individui analfabeti vuole entrare in casa mia,senza che io avessi commesso nessun crimine,bisogna vedere se io gli apro,……..comunque e finita a botte,e da una denuncia per coltivazione me ne sono beccate altre due,minacce e lesioni,roba da gang,mi mancava un pistola,un giorno si svegliano e vanno a rovinare la vita a persone che con la criminalita’ non c’entrano nulla ,insopportabile se si e coscenti della vita tranquilla che si conduce,certo che se coltivate erba, e casa vostra e un via vai,certo che so cazzi amari,ma se ti comporti bene e ti coltivi 3 piante per uso personale,chi ti da il diritto di venirmi a fare quello che piu piace alla polizia,distruggere persone normalissime,che lavorano,ma voi pensate tutta la droga pesante che viene venduta ogni giorno,in ogni piazza d’italia,magari se sei tossico e ti beccano con un grammo nemmeno perdono del tempo a farti il verbale,ma se ti beccano con 2 grammi d’erba,o hash,sei rovinato,patente fottuta ,perquisiz a casa,umiliazione del sert,ecc,potrei continuare all’infinito.allora vogliamo fare qualcosa ,uniamoci tutti e presentiamoci in migliaia a roma ,tutti con una pianta di marijuana,che fanno ?non penso che ci arrestino in migliaia…….dove cazzo sta quella sede di porci sfaticati di politici(rotti in culo)delinquenti veri ed incalliti(scusate le parole ma non se ne puo piu)ma quale europa,io so che dove c’e la monarchia si vive alla grande(olanda. spagna.danimarca ecc)ma anche l’italia era una monarchia solo che il nostro re se rubato mezzo mondo,forse deriva proprio da lui,questo stile di vita degli italiani di cui il motto, svegliati e cerca di fottere e rubare piu che puoi,che stress disumano dobbiamo sopportare ogni giorno,invece di essere contenti di essere italiani,e di avere tante altre belle cose in questo paese,ci vergogniamo di esserlo,visto che sono dovuto fuggire in olanda,chiedero la cittadinanza, e comunque se l’italia avesse quella civilta che manca,tipo nord europa,con leggi permissive come in tutta l’europa,io me ne stavo nel mio paese.(ragazzi l’italia non fa parte dell’europa come vuol far credere),ma siamo un popolo sottosviluppato,tanto,dedito al bigottismo di massa,che tristezza,in ogni nazione,d’europa ,ovunque vai la cannabis e tollerata con leggi abbastanza favorevoli,solo gli ingelsi sono gli altri bigotti d’europa,chiuso capitolo,in america la cannabis terapeutica fa passi da gigante,e vi dico che i dispensari americani danno i punti a tutti i coffe shop d’olanda,andate ad oakland,ca,troverete prodotti, e varieta’ di erbe mai viste ,un menu d’hash che fa venire i brividi,cose che in olanda non le trovi nemmeno tra dieci anni,andatevi a guardare il dispensario di D’ANGELO su yootube,e i vari documentari di natinal geographic,ci sono piu di 100 varieta ogni giorno,30 tipi di ice o later,delle piante piu assurde d’america e dell’intero globo,per quanto riguarda i problemi in italia, cercate di comperare i seed direttamente sui portali olandesi,cosi sara impossibile acciuffarvi,tanto se dite a quelli che gestiscono i vari siti in italia del settore di cancellarvi dalla loro lista clienti se ne fregano,ed e per questo che ci hanno acciuffati,io minimo l’avro detto cento volte di cancellarmi,e loro non ti preoccupare,poi dopo un po mi trovo la polizia che mi bussa alla porta,che roba da matti,anzi in italia le cose si fanno con troppa superficialita,chiuso capitolo,un saluto a tutti i grower della penisola FUCK THE SYSTEM SURG-BOY ,UNO CHE SI FA RISPETTARE ,IO I MIEI DIRITTI NEGATI POLIZIOTTO TE LI SBATTO IN TESTA,SCUSATE S E SONO VIOLENTO MA MI CI HANNO FATTO DIVENTARE, l’ignoranza in italia va combattuta con la violenza,scusate di nuovo,parole che non si dovrebbero mai dire,comunque sono un naturalistra ,per la pace E GROWER INCALLITO,ORA VIENI A PRENDERMI,SE MI TROVI NATURALMENTE!

  10. surg-boy scrive:

    ciao a tutti i grower,attivisti,sostenitori,semplici consigli da uno che ha fatto la guerra a sti stronzi,imbecilli,nullafacenti di forze del disordine,non ordine,un fottetevi a tutti i corpi che esistono in italia,nessuno escluso,purtroppo ci sono capitato pure io in mezzo a sta bufera,non spaccio assolutamente,quindi se uno di quegli individui analfabeti vuole entrare in casa mia,senza che io avessi commesso nessun crimine,bisogna vedere se io gli apro,……..comunque e finita a botte,e da una denuncia per coltivazione me ne sono beccate altre due,minacce e lesioni,roba da gang,mi mancava un pistola,un giorno si svegliano e vanno a rovinare la vita a persone che con la criminalita’ non c’entrano nulla ,insopportabile se si e coscenti della vita tranquilla che si conduce,certo che se coltivate erba, e casa vostra e un via vai,certo che so cazzi amari,ma se ti comporti bene e ti coltivi 3 piante per uso personale,chi ti da il diritto di venirmi a fare quello che piu piace alla polizia,distruggere persone normalissime,che lavorano,ma voi pensate tutta la droga pesante che viene venduta ogni giorno,in ogni piazza d’italia,magari se sei tossico e ti beccano con un grammo nemmeno perdono del tempo a farti il verbale,ma se ti beccano con 2 grammi d’erba,o hash,sei rovinato,patente fottuta ,perquisiz a casa,umiliazione del sert,ecc,potrei continuare all’infinito.allora vogliamo fare qualcosa ,uniamoci tutti e presentiamoci in migliaia a roma ,tutti con una pianta di marijuana,che fanno ?non penso che ci arrestino in migliaia…….dove cazzo sta quella sede di porci sfaticati di politici(rotti in culo)delinquenti veri ed incalliti(scusate le parole ma non se ne puo piu)ma quale europa,io so che dove c’e la monarchia si vive alla grande(olanda. spagna.danimarca ecc)ma anche l’italia era una monarchia solo che il nostro re se rubato mezzo mondo,forse deriva proprio da lui,questo stile di vita degli italiani di cui il motto, svegliati e cerca di fottere e rubare piu che puoi,che stress disumano dobbiamo sopportare ogni giorno,invece di essere contenti di essere italiani,e di avere tante altre belle cose in questo paese,ci vergogniamo di esserlo,visto che sono dovuto fuggire in olanda,chiedero la cittadinanza, e comunque se l’italia avesse quella civilta che manca,tipo nord europa,con leggi permissive come in tutta l’europa,io me ne stavo nel mio paese.(ragazzi l’italia non fa parte dell’europa come vuol far credere),ma siamo un popolo sottosviluppato,tanto,dedito al bigottismo di massa,che tristezza,in ogni nazione,d’europa ,ovunque vai la cannabis e tollerata con leggi abbastanza favorevoli,solo gli ingelsi sono gli altri bigotti d’europa,chiuso capitolo,in america la cannabis terapeutica fa passi da gigante,e vi dico che i dispensari americani danno i punti a tutti i coffe shop d’olanda,andate ad oakland,ca,troverete prodotti, e varieta’ di erbe mai viste ,un menu d’hash che fa venire i brividi,cose che in olanda non le trovi nemmeno tra dieci anni,andatevi a guardare il dispensario di D’ANGELO su yootube,e i vari documentari di natinal geographic,ci sono piu di 100 varieta ogni giorno,30 tipi di ice o later,delle piante piu assurde d’america e dell’intero globo,per quanto riguarda i problemi in italia, cercate di comperare i seed direttamente sui portali olandesi,cosi sara impossibile acciuffarvi,tanto se dite a quelli che gestiscono i vari siti in italia del settore di cancellarvi dalla loro lista clienti se ne fregano,ed e per questo che ci hanno acciuffati,io minimo l’avro detto cento volte di cancellarmi,e loro non ti preoccupare,poi dopo un po mi trovo la polizia che mi bussa alla porta,che roba da matti,anzi in italia le cose si fanno con troppa superficialita,chiuso capitolo,un saluto a tutti i grower della penisola FUCK THE SYSTEM SURG-BOY ,UNO CHE SI FA RISPETTARE ,IO I MIEI DIRITTI NEGATI POLIZIOTTO TE LI SBATTO IN TESTA,SCUSATE S E SONO VIOLENTO MA MI CI HANNO FATTO DIVENTARE, l’ignoranza in italia va combattuta con la violenza,scusate di nuovo,parole che non si dovrebbero mai dire,comunque sono un naturalistra ,per la pace E GROWER INCALLITO,ORA VIENI A PRENDERMI,SE MI TROVI NATURALMENTE!

  11. surg-boy scrive:

    ciao a tutti i grower,attivisti,sostenitori,semplici consigli da uno che ha fatto la guerra a sti stronzi,imbecilli,nullafacenti di forze del disordine,non ordine,un fottetevi a tutti i corpi che esistono in italia,nessuno escluso,purtroppo ci sono capitato pure io in mezzo a sta bufera,non spaccio assolutamente,quindi se uno di quegli individui analfabeti vuole entrare in casa mia,senza che io avessi commesso nessun crimine,bisogna vedere se io gli apro,……..comunque e finita a botte,e da una denuncia per coltivazione me ne sono beccate altre due,minacce e lesioni,roba da gang,mi mancava un pistola,un giorno si svegliano e vanno a rovinare la vita a persone che con la criminalita’ non c’entrano nulla ,insopportabile se si e coscenti della vita tranquilla che si conduce,certo che se coltivate erba, e casa vostra e un via vai,certo che so cazzi amari,ma se ti comporti bene e ti coltivi 3 piante per uso personale,chi ti da il diritto di venirmi a fare quello che piu piace alla polizia,distruggere persone normalissime,che lavorano,ma voi pensate tutta la droga pesante che viene venduta ogni giorno,in ogni piazza d’italia,magari se sei tossico e ti beccano con un grammo nemmeno perdono del tempo a farti il verbale,ma se ti beccano con 2 grammi d’erba,o hash,sei rovinato,patente fottuta ,perquisiz a casa,umiliazione del sert,ecc,potrei continuare all’infinito.allora vogliamo fare qualcosa ,uniamoci tutti e presentiamoci in migliaia a roma ,tutti con una pianta di marijuana,che fanno ?non penso che ci arrestino in migliaia…….dove cazzo sta quella sede di porci sfaticati di politici(rotti in culo)delinquenti veri ed incalliti(scusate le parole ma non se ne puo piu)ma quale europa,io so che dove c’e la monarchia si vive alla grande(olanda. spagna.danimarca ecc)ma anche l’italia era una monarchia solo che il nostro re se rubato mezzo mondo,forse deriva proprio da lui,questo stile di vita degli italiani di cui il motto, svegliati e cerca di fottere e rubare piu che puoi,che stress disumano dobbiamo sopportare ogni giorno,invece di essere contenti di essere italiani,e di avere tante altre belle cose in questo paese,ci vergogniamo di esserlo,visto che sono dovuto fuggire in olanda,chiedero la cittadinanza, e comunque se l’italia avesse quella civilta che manca,tipo nord europa,con leggi permissive come in tutta l’europa,io me ne stavo nel mio paese.(ragazzi l’italia non fa parte dell’europa come vuol far credere),ma siamo un popolo sottosviluppato,tanto,dedito al bigottismo di massa,che tristezza,in ogni nazione,d’europa ,ovunque vai la cannabis e tollerata con leggi abbastanza favorevoli,solo gli ingelsi sono gli altri bigotti d’europa,chiuso capitolo,in america la cannabis terapeutica fa passi da gigante,e vi dico che i dispensari americani danno i punti a tutti i coffe shop d’olanda,andate ad oakland,ca,troverete prodotti, e varieta’ di erbe mai viste ,un menu d’hash che fa venire i brividi,cose che in olanda non le trovi nemmeno tra dieci anni,andatevi a guardare il dispensario di D’ANGELO su yootube,e i vari documentari di natinal geographic,ci sono piu di 100 varieta ogni giorno,30 tipi di ice o later,delle piante piu assurde d’america e dell’intero globo,per quanto riguarda i problemi in italia, cercate di comperare i seed direttamente sui portali olandesi,cosi sara impossibile acciuffarvi,tanto se dite a quelli che gestiscono i vari siti in italia del settore di cancellarvi dalla loro lista clienti se ne fregano,ed e per questo che ci hanno acciuffati,io minimo l’avro detto cento volte di cancellarmi,e loro non ti preoccupare,poi dopo un po mi trovo la polizia che mi bussa alla porta,che roba da matti,anzi in italia le cose si fanno con troppa superficialita,chiuso capitolo,un saluto a tutti i grower della penisola FUCK THE SYSTEM SURG-BOY ,UNO CHE SI FA RISPETTARE ,IO I MIEI DIRITTI NEGATI POLIZIOTTO TE LI SBATTO IN TESTA,SCUSATE S E SONO VIOLENTO MA MI CI HANNO FATTO DIVENTARE, l’ignoranza in italia va combattuta con la violenza,scusate di nuovo,parole che non si dovrebbero mai dire,comunque sono un naturalistra ,per la pace E GROWER INCALLITO,ORA VIENI A PRENDERMI,SE MI TROVI NATURALMENTE!

  12. aldo scrive:

    Beh le forze dell’ordine infondo eseguono degli ordini, sensati o insensati che siano, invece è possibile fare causa al magistrato che ha ordinato tale azione?

  13. aldo scrive:

    Beh le forze dell’ordine infondo eseguono degli ordini, sensati o insensati che siano, invece è possibile fare causa al magistrato che ha ordinato tale azione?

    • ilsecolo21 scrive:

      Le forze dell’ordine eseguono la legge, seguendo gli indirizzi della magistratura, che segue l’indirizzo della legge.
      Se un magistrato focalizza la sua attenzione su certi reati, di pari passo, la polizia giudiziaria con cui collabora, articola le indagini in quella direzione.
      Per quel che riguarda la possibilità di fare causa a un magistrato, mi sembra un ipotesi remota, soprattutto nella sua efficacia. I magistrati sono una casta, inattaccabile, perché portavoce del codice della legge, e sotto questo punto di vista una riforma della giustizia che dia più potere ai cittadini nei confronti dei propri giudici sarebbe, a mio parere, sintomo di grande slancio democratico.

  14. bijuuu scrive:

    -.- L’Italia non si deve preoccupare di queste cazzate come la Marijuana che poi fa pure bene legalizzatelaaaa!!!!!!!!!Non ci è mai morto nessuno quindi pensate alle cose serie che fanno stare male gli italiani!!

  15. bijuuu scrive:

    -.- L’Italia non si deve preoccupare di queste cazzate come la Marijuana che poi fa pure bene legalizzatelaaaa!!!!!!!!!Non ci è mai morto nessuno quindi pensate alle cose serie che fanno stare male gli italiani!!

  16. ilsecolo21 scrive:

    Buongiorno, la notizia, da cui ha preso spunto il mio articolo, è stata pubblicata il giorno 5 gennaio sul quotidiano genovese il secolo xix. Se non erro con il titolo:” Marijuana online, perquisite 50 case.” Dopo una breve ricerca non penso esista molto in rete, credo che la notizia sia apparsa solo sul cartaceo. A presto e continui a seguire Il Secolo 21.
    un caro saluto
    Fabrizio Dentini

  17. ilsecolo21 scrive:

    Le forze dell’ordine eseguono la legge, seguendo gli indirizzi della magistratura, che segue l’indirizzo della legge.
    Se un magistrato focalizza la sua attenzione su certi reati, di pari passo, la polizia giudiziaria con cui collabora, articola le indagini in quella direzione.
    Per quel che riguarda la possibilità di fare causa a un magistrato, mi sembra un ipotesi remota, soprattutto nella sua efficacia. I magistrati sono una casta, inattaccabile, perché portavoce del codice della legge, e sotto questo punto di vista una riforma della giustizia che dia più potere ai cittadini nei confronti dei propri giudici sarebbe, a mio parere, sintomo di grande slancio democratico.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


7 − sei =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>